E’ di alcuni giorni fa la notizia pubblicata su Allure Magazine che riporta l’interessante parere di Victoria Becham a proposito di epilazione laser. Nell’intervista che ha rilasciato alla famosa testata di stile non fa mistero, anzi elogia, l’epilazione laser, dichiarandosi una vera fan dei trattamenti di epilazione progressiva. L’ex Spice Girl e attuale moglie di David Becham ha ammesso di non utilizzare più da tempo rasoi e altri espedienti e di ricorrere solo al laser per avere gambe lisce e senza peli.

Non rado più le mie gambe. Uso il laser, che è molto più piacevole. Se dovesse riapparire qualche pelo, posso tornare dalla mia estetista per un rapido ritocco e il gioco è fatto. Finora non è mai capitato…devo ammettere che questo è uno dei migliori consigli che Eva Longoria mi abbia mai dato”. La Beckham è una delle tante celebrità che utilizzano il laser per l’epilazione e i trattamenti sono in crescita ormai da anni in tutti gli Stati Uniti. Grazie all’efficacia, alla sicurezza, ai risultati reali, i trattamenti laser sono l’ideale per tutti coloro, celebrities o meno, il cui lavoro dipende molto dall’aspetto estetico e dalla bellezza.
Di fatto, i trattamenti di epilazione laser sono diventati così famosi e richiesti che.. vanno a ruba. A Miami, patria indiscussa della chirurgia e dell’innovazione in campo estetico, la polizia deve fare i conti con una tipologia inedita di rapinatori: i ladri di apparecchiature laser.
Alcuni centri estetici della città, noti perché frequentati da vip provenienti da tutti gli USA, sono stati svaligiati nottetempo da ladri particolarmente interessati alle tecnologie laser utilizzate per i trattamenti di epilazione definitiva.
Il motivo? “Semplice”, ha dichiarato il titolare di una delle SPA di Miami derubate, “questi macchinari valgono fino a 80.000 dollari e durano per anni. Sperano di ricavarne dei soldi facili, ma non sanno che sono registrate e che rientrano in un rigido piano di controlli garantiti ed effettuati esclusivamente dalla casa madre; dopo un po’, si renderanno conto che non possono né utilizzarli né tantomeno rivenderli”.
In attesa quindi che le apparechiature laser vengano restituite ai legittimi proprietari, per i centri derubati è in corso una involontaria campagna pubblicitaria che porterà, si spera, tanti nuovi clienti.